La forza della ricerca: dal gene antico alla società moderna – Nuove frontiere per la lotta alle malattie rare

La forza della ricerca: dal gene antico alla società moderna – Nuove frontiere per la lotta alle malattie rare

519 parole,2 minuti di lettura,
Condividi
Articoli Correlati
Argomenti

Sabato 23 marzo alle ore 16 la Senatrice Elena Cattaneo interverrà a Lucca in un evento organizzato dalla @croceverdelu presso il cinema teatro Moderno. L’incontro ha il patrocinio del @cicap

Ambulanze a sirene spiegate, emergenze, primo soccorso: di solito, questo è ciò che associamo di primo acchito all’idea di Pubblica assistenza. In seconda battuta ecco Protezione Civile, servizi nell’ambito del sociale e donazione del sangue. Quasi nessuno, però, pensa a Cultura e Divulgazione scientifica. Un “tabù” che a Lucca, ormai, è stato ampiamente superato.

“Intrecci. Il piacere della conoscenza” è il ciclo di incontri avviato da qualche anno dalla Croce Verde P.A. di Lucca, per offrire ai cittadini lucchesi occasioni di riflessione e approfondimento. Grazie all’impegno della Commissione Cultura, sono intervenuti relatori di assoluto prestigio, tra i quali personalità del calibro di Edoardo Boncinelli, Giulio Giorello, Telmo Pievani, Gianmichele Ratto ed Elena Cattaneo. E proprio la scienziata e senatrice a vita Cattaneo sarà la protagonista di un nuovo incontro nella città dell’”arborato cerchio”, dopo il grande successo della conferenza
dello scorso giugno, incentrata sugli OGM. Sabato 23 marzo, alle ore 16.00, presso il Cinema Moderno di Lucca, si terrà “La forza della ricerca: dal gene antico alla società moderna – Nuove frontiere della scienza per la lotta alle malattie rare”, incontro nel quale Elena Cattaneo tratterà della ricerca sulle cellule staminali e delle possibili applicazioni in ambito medico per il contrasto alle malattie rare. Sarà il racconto di un’avventura scientifica che vuole guardare al futuro, pur parlando di passato: la senatrice Cattaneo è infatti nota nel panorama internazionale per i suoistudi sulla Còrea di Huntington, patologia rara dovuta ad un gene con alle spalle ben 800 milioni di anni di storia evolutiva.

Sul palco, assieme a lei, il giovane antropologo molecolare Luca Pagani, ricercatore all’Università di Padova di origini lucchesi. L’iniziativa è patrocinata da Comune e Provincia di Lucca, Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Lucca, Società Medico-Chirurgica Lucchese, Azienda USL Toscana Nord Ovest, CICAP e Ufficio Scolastico IX di Lucca e Massa-Carrara.

ELENA CATTANEO: professoressa ordinaria e ricercatrice presso l’Università statale di Milano, dove dirige il laboratorio di Biologia delle cellule staminali e Farmacologia delle malattie neurodegenerative del Dipartimento di Bioscienze. Fra le più autorevoli studiose di cellule staminali nel panorama mondiale, è nota in particolare per le sue scoperte sulla malattia di Huntington: i suoi studi sull’evoluzione del gene responsabile e i suoi rapporti nella forma non mutata con i neuroni ammalati si sono rivelati fondamentali per comprendere la patogenesi e sviluppare strategie farmacologiche, geniche e cellulari capaci di interferire con la patologia neurodegenerativa.

Elena Cattaneo è anche una grande divulgatrice dei valori della scienza, che attraversano il suo quotidiano nell’impegno politico da senatrice a vita – carica ricoperta dal 2013 – come lei stessa racconta nel suo libro Ogni giorno. Tra scienza e politica (Mondadori, 2016).

LUCA PAGANI: lucchese, laureato alla Scuola Normale Superiore di Pisa, è ricercatore di Antropologia Molecolare presso il Dipartimento di Biologia dell’Università di Padova. Ha lavorato come biologo molecolare al laboratorio Sanger di Cambridge e come ricercatore senior in Genetica di Popolazioni Umane presso l’Estonian Biocentre di Tartu, in Estonia.