Carlo Allioni

Carlo Allioni

139 parole,0,5 minuti di lettura,
Condividi
Articoli Correlati

Bicerin di scienza del 9 giugno 2020

Si laureò in medicina, ma la sua passione era per le scienze naturali: a soli 27 anni pubblicò uno studio della vegetazione piemontese, nel quale comparivano elementi sconosciuti ai botanici del suo tempo, tanto da farsi notare da Linneo.

Nel 1760, nominato professore di Botanica all’Università di Torino, fu tra i primi a proporre il sistema di nomenclatura binomiale ideato da Linneo. Direttore dell’Orto botanico dal 1763 al 1781, diede all’istituzione una netta funzione scientifica e con lui il numero delle specie coltivate arrivò a essere 4500.

Dalla consuetudine di raccogliere acquarelli di pittori botanici nacque l’idea della sua opera più importante, la Flora Pedemontana, che contiene la descrizione di 2.831 specie di piante del Piemonte.

Curiosità: il “Linneo piemontese”, appassionato di molte  discipline, collezionò oltre 6.000 campioni tra minerali, rocce, fossili e preparati zoologici e circa 4.200 insetti.