Giovanni Schiaparelli

Giovanni Schiaparelli

136 parole,0,5 minuti di lettura,
Condividi
Articoli Correlati

Bicerin di scienza del 2 giugno 2020

Avete mai sentito parlare dei canali di Marte? La loro scoperta avvenne grazie all’astronomo Schiaparelli, laureatosi in ingegneria a Torino a 19 anni: dopo averli “visti” nel 1877, durante la grande opposizione Marte-Terra, popolarizzò l’argomento in 3 differenti scritti. Da queste osservazioni cominciò una serie di speculazioni, che portarono all’ipotesi che il pianeta rosso fosse popolato da una civiltà tecnologicamente avanzata. Le sue teorie giovanili sull’origine cometaria degli sciami meteorici, formulate sulla grande pioggia delle Leonidi del 1833, lo portarono a prevedere con successo la pioggia della cometa di Biela (1872).

Curiosità: a Schiaparelli sono stati intitolati l’osservatorio di Varese, un cratere sulla Luna, uno su Marte, una catena montuosa su Mercurio, un asteroide e persino un Lander della missione spaziale ExoMars (che non ebbe fortuna: si schiantò per un’avaria durante la procedura di atterraggio!).